La calda accoglienza del Vin Brulè

Vin Brulè

Oggi vogliamo condividere con voi la nostra ricetta segreta per fare il Vin Brulè e stupire i vostri amici quando verranno a trovarvi a casa!
Durante queste giornate fredde, non c’è nulla di più piacevole che sorseggiare una sana e dissetante bevanda calda fatta in casa.


INGREDIENTI PER 4 PERSONE:
• 1 scorza di limone non trattato
• 1 scorza d’arancia non trattata
• 2 cannella in stecca
• bacche di ginepro q.b.
• 100 gr zucchero
• 1 litro di vino rosso, possibilmente Teroldego

Questi sono i classici ingredienti che tutti noi conosciamo, ma noi oggi vogliamo svelarvi i due componenti segreti che faranno diventare davvero unica questa calda e dissetante bevanda:
• 2 bustine del thè Magia di Natale
• 1 mela appena raccolta dalla Val di Non 😉

Ora che sapete cosa serve mettetevi il grembiule e prendete un pentolone grande!
Tagliate sottilmente la scorza di limone e dell’arancia senza prelevare la parte bianca, altrimenti potrebbe rilasciare un sapore amaro. 
Versa lo zucchero in un tegame d’acciaio, aggiungi le stecche di cannella, le bacche di ginepro, le scorze degli agrumi, le fette di mela, il vino rosso e in fine le buste di thè.
Porta lentamente a ebollizione e fai sobbollire a fiamma bassa per 5 minuti mescolando fino al completo scioglimento dello zucchero.
Per una versione più light puoi avvicinare una fiamma alla superficie del vino usando un cannello oppure uno spiedino di legno, aspetta il completo spegnimento della fiamma così da bruciare l’alcool del vino.
Filtra il vin brulè attraverso un colino a maglie finissime e servilo fumante!
Ecco com’è la calda accoglienza di noi moenesi durante le giornate fredde d’inverno.

E voi come accogliete i vostri ospiti durante la stagione fredda?
Condividete con noi la vostra accoglienza calorosa e raccontateci la vostra esperienza con il Vin Brulè 😄

Torta di Grano Saraceno

i dolci della tradizione trentina

Dopo una lunga passeggiata o una mattinata trascorsa sugli sci, non c’è nulla di meglio che fermarsi in un rifugio e gustare un appetitoso pasto. Chi sceglie un buon piatto di polenta con funghi e formaggio, chi preferisce i tipici ciajoncie da fighes, ma siamo tutti d’accordo che non può mancare il dolce. Uno dei nostri preferiti è la Torta di Grano Saraceno.

Tipica dell’Alto Adige, è una torta sofficissima, con un cuore di marmellata di mirtilli rossi. Chi non ha mai provato questo buonissimo dolce che mette d’accordo grandi e bambini? 

Nell’attesa di poter finalmente gustarne una fetta, preferibilmente con una spettacolare vista sulle nostre amate Dolomiti, ne approfittiamo per lasciarvi la nostra ricetta. C’è chi la prepara con nocciole e chi con mandorle, chi aggiunge una mela nell’impasto e chi senza. E tu quale ricetta preferisci? Condividi con noi la tua variante!

 

ricetta della torta di grano saraceno

Ingredienti

  •  250 gr di farina di grano saraceno;
  • 250 gr di nocciole finemente tritate (in alternativa mandorle);
  • 200 gr di burro a temperatura ambiente;
  • 200 gr di zucchero di canna fine;
  • 6 uova;
  • 1 cucchiaino di cannella;
  • 1 cucchiaino di zucchero vanigliato;
  • 1/2 bustina di lievito per dolci;
  • marmellata di mirtilli rossi;
  • zucchero a velo.

Procedimento per la torta di grano saraceno

  • Iniziamo separando i tuorli dagli albumi che andiamo subito a lavorare con una frusta elettrica. Quando saranno montati ma non completamente fermi, aggiungiamo metà del nostro zucchero, cioè 100gr.
  • In un’altra ciotola andiamo ad unire e a mischiare per bene i nostri ingredienti secchi: farina di grano saraceno precedentemente setacciata, le nocciole finemente tritate, il lievito per dolci e la cannella.
  • In un altro recipiente, andiamo a lavorare i 200gr di burro con i restanti 100gr di zucchero a cui aggiungiamo anche quello vanigliato. Una volta che tutti gli ingredienti sono ben amalgamati e abbiamo ottenuto un composto schiumoso, aggiungiamo i tuorli, uno alla volta.
  •  Al composto di tuorli, burro e zucchero, aggiungiamo lentamente i nostri ingredienti secchi. Si avrà un composto abbastanza duro, a cui uniremo gli albumi precedentemente montati a neve. Importante è unire i due composti con un movimento dal basso verso l’alto. Questo serve per non smontare gli albumi e incorporare aria e rendere più soffice la nostra torta.
  • Quando tutti i nostri ingredienti sono uniti, andiamo a versare il tutto in una tortiera dal diametro di 24 cm, precedentemente imburrata e spolverata di farina. Mettiamo il nostro impasto nel forno già caldo a 180° per 40-45 min. Passati i 40 minuti fare la prova dello stuzzichino per verificare se la nostra torta è pronta.
  • Al termine della cottura, lasciamo che la nostra torta si raffreddi completamente per poi andarla a tagliare e ricoprire il suo interno di gusto marmellata di mirtilli rossi.
  • Ora non ci resta che richiuderla e cospargela di zucchero a velo.

Noi siamo già pronti per tagliare una bella fetta! Se anche tu hai provato questa ricetta, condividi con noi le tue foto e le tue variazioni!

Rosy e la sua malga da fiaba

Sono le sei del mattino, quattro caprioli si muovono lenti e delicati sul prato di fronte a Malga Roncac. Sanno che Rosy sta per arrivare, con la loro colazione. Da dicembre a fine aprile, sono proprio loro i primi clienti di questa incantevole malga, vicinissima al centro del paese ma magicamente solitaria. La proprietaria, Rosy appunto il suo nome, acquista appositamente per loro uno speciale mangime che fa arrivare dall’Austria: non avrebbe creato Malga Roncac, se non amasse così profondamente la natura e soprattutto gli animali.

La incontro qualche pomeriggio fa, mi accoglie con il suo solito sorriso allegro e la sua voce passionale. Sta riorganizzando la disposizione dei tavoli all’interno della piccola ed accogliente sala in legno, in vista della prossima riapertura, prevista per il 6 giugno.

Come sarà il primo giorno di lavoro, dopo questa lunga pausa? – le chiedo.

Ci riflette su, mentre mi prepara il caffè e me lo serve con un goccino di latte freddo a parte, proprio come piace a me. Lei è fatta così, locandiera attenta che non manca mai una coccola ai propri ospiti. E mentre penso si sia dimenticata della mia domanda, esclama tutto d’un fiato:

Non vedo l’ora! Sono così felice di ritrovare i miei clienti! Penso sarò anche un po’ in tensione, com’è giusto e normale che sia per chi tiene tanto al proprio lavoro.

Eh già, perché Rosy ci tiene davvero tanto alla sua cara Malga Roncac e ai suoi frequentatori, nuove conoscenze o amici di lunga data. Proprio il 10 luglio prossimo Malga Roncac festeggerà i suoi primi 10 anni, che per Rosy sono dieci anni di impegno, passione, fatica ma anche di tante soddisfazioni e dimostrazioni di affetto, come testimoniano le innumerevoli telefonate che ha ricevuto negli ultimi mesi da tutte le persone che volevano sincerarsi di poter gustare di nuovo una cena qui, durante l’estate ormai alle porte.

Cosa ti è mancato di più in questo periodo?

La cosa che mi è dispiaciuta di più è che non ho potuto organizzare la mia solita cena per i cani, quella che proponiamo sempre verso la fine di marzo. E’ un appuntamento particolare, una serata dedicata tutta ai nostri amici a quattro zampe, i protagonisti sono loro! Il menù è tutto per loro, con pietanze a base di carne bianca al vapore, verdure e scaglie di Trentingrana, che a loro piace tanto!

Per i proprietari scelgo io, comunque qualcosa di semplice, come uno spaghetto o una zuppa. Si devono accontentare, non sono loro gli ospiti più importanti per una volta! –

Non ricordo se vi avevo già scritto che Rosy ama gli animali… 😄

Rosy, toglimi una curiosità. Qual è il tuo piatto preferito, tra quelli del tuo menù?

Questa volta la risposta arriva veloce come la corsa di una lepre che abita in questi luoghi.

Sicuramente i “Tagliolini con Porcini e Ricotta Affumicata”. Perché sono la sintesi perfetta della nostra filosofia di cucina: la pasta, fatta rigorosamente da noi, con tantissimi rossi d’uovo, più di tre ore di lento riposo. I porcini, con il loro profumo di bosco così schietto e sincero. E la ricotta affumicata, che con i suoi aromi riporta alla storia antica della lavorazione del formaggio, quando veniva posizionata sopra graticci metallici, nei pressi del focolare, dove il fumo della legna che bruciava per riscaldare l’ambiente essiccava lentamente questo eccellente latticino.

Dunque una cucina tipica, preparata con amore, valorizzando prodotti locali che raccontano la storia e le tradizioni di questo paese di montagna. Il tutto in una location unica nel suo genere, pochi tavoli, candele e profumo di legno che si mescola con quello del pane appena sfornato.

Rosy, a proposito di storia, se potessi invitare un personaggio del passato, chi inviteresti e che cosa gli prepareresti?

Bella domanda, così su due piedi eh! Infatti Rosy mi guarda con stupore, si sistema gli occhiali e osserva le montagne che abbiamo di fronte. Siamo sedute sul balcone panoramico, direi il luogo perfetto per chi è in cerca di ispirazione.

Inviterei la Principessa Sissi. E le preparerei una merenda con i kaiserschmarren!

Posso salutarti con un consiglio? Quando arriverai a Moena, non perderti l’esperienza di una visita a Malga Roncac. E non chiedere nemmeno se gli animali sono i benvenuti, altrimenti Rosy si offende!

Un dolcissimo sciroppo

Le piante di sambuco sono in fiore!

Oggi prepariamo con voi lo sciroppo di sambuco, squisita bevanda rinfrescante per l’estate, ottima anche per la preparazione di sfiziosi cocktail. Il sambuco è una pianta appartenente alla famiglia delle Caprifoliaceae, la cui parte utilizzata è costituita da fiori e foglie. Noi utilizzeremo solamente i fiori, aromatici e profumatissimi.

Iniziamo subito… con una passeggiata!

È importante raccogliere i fiori di sambuco poco prima di iniziare la preparazione dello sciroppo, per evitare che questi si affloscino. A Moena si trovano tantissimi cespugli ed alberi di sambuco, freschi e rigogliosi, cresciuti con aria pulita e nutrienti naturali.

Una volta tornati a casa, puliamo i fiori dalle impurità con l’aiuto delle forbici o semplicemente con le mani.

Versiamo i ciuffetti di fiori di sambuco in una casseruola, copriamo con 2 kg di zucchero, aggiungiamo 2 litri d’acqua, 50 gr di acido citrico, 4/5 limoni non trattati e lavati accuratamente, tagliati a metà (non spremuti!).

Lasciamo in macera i fiori di sambuco ed i limoni per 24 ore, mescolando di tanto in tanto per sciogliere meglio lo zucchero.

Dopo 24 ore, possiamo filtrare lo sciroppo e versarlo, con l’aiuto di un imbuto e di un mestolo, in bottiglie di vetro (meglio vetro scuro).  Chiudiamo con il tappo a corona: in questo modo lo sciroppo si conserverà per 12-16 mesi e potrà essere riposto all’interno di un armadio.

Un piccolo consiglio: non buttiamo i limoni! Possiamo spremerli e versare il succo filtrato dei limoni negli appositi sacchettini per il ghiaccio. In questo modo, possiamo ottenere degli ottimi ghiaccioli per rendere ancora più buoni e sfiziosi i nostri bicchieri di acqua e sambuco!